Posts contrassegnato dai tag ‘South Reviews’

 Wang Xiaoming

direttore del Centro di Studi Culturali Universita’ di Shanghai

原文 South Reviews 2014:17

社会L’estate di Shanghai e’ stata un po’ turbolenta, prima per lo scandalo della carne scaduta della compagnia OSI del distretto di Jiading, poi a seguire nel nord di Kunshan l’esplosione nella fabbrica a capitale taiwanese Zhongrong che ha causato decine e decine di morti e feriti…e siamo solo a poco piu’ di meta’ dell’estate!

OSI e’ un marchio statunitense, per il sistema di gestione della qualita’ degli alimenti che tratta e’ ritenuta come una delle migliori aziende, un mio conoscente che ha visitato la sede di Shanghai e’ rimasto colpito per le maschere di protezione e i disinfettanti. Pero’, proprio questa compagnia ha ripetutamente mescolato alla carne fresca la carne scaduta e l’ha messa in vendita, ha addirittura cambiato le etichette di scadenza delle confezioni. Anche per Kunshan si presenta la medesima situazione, parliamo infatti di una nuova zona industriale famosa in tutto il Paese, piena di verde e di aziende a capitali stranieri, moltissime sono le merci destinate all’esportazione e infatti la produzione dei copertoni della Zhongrong e’ per la General Motors. Eppure in questo parco industriale all’avanguardia,i reparti della Zhongrong sono costantemente saturi di polveri infiammabili, anche se gli operai ci lavorano solo per mezza giornata, il corpo si riempie di queste polveri. E’ cosi’ pericoloso l’ambiente lavorativo che gli operai hanno piu’ e piu’ volte fatto causa, ma il padrone non se ne e’ curato….. (altro…)

Annunci

“Nuovi Operai, che fare?”

Cover Story del Nafeng Chuang (South Reviews, quindicinale) N.473

 a cura di Li Beifang

原文

Introduzione

 

Sul Times di tre anni fa in copertina come personaggio dell’anno c’erano quattro operaie cinesi. In questo modo pero’, la complessita’ del fenomeno operaio non viene compresa.

Il passaggio dai nongmingong ai “nuovi operai” e’ gia’ avvenuto, l’uso di tale categoria serve a comprendere in modo piu’ approfondito le trasformazioni avvenute nel mondo del lavoro. Anche se “nuovi operai” non e’ termine standard, e’ ormai entrato nell’ uso.

I nati dopo l ‘80 e il ‘90 non sono affatto nongmingong ma operai, l’industrializzazione e l’urbanizzazione non hanno ancora risposte per tale cambiamento, vale a dire risposte sul salario e sul trattamento.

Perche’ dunque « nuovi operai » ? Perche’ restano in citta’, perche’ hanno una propria dignita’ di lavoratori e non di impiegati temporanei, perche’ la societa’ non puo’ piu’ far finta di ignorare questo enorme gruppo di lavoratori. Diversi dai loro padri, con un grado di istruzione piu’ elevato, con proprie idee su cio’ che li circonda ; se iniziano a parlare, bisogna starli ad ascoltare.

I nuovi operai sono uno dei temi che le nuove politiche dovranno affrontare.

Una parte delle seguenti traduzioni sono uscite su iMec , giornale metalmeccanico (FIOM), anno II N.2 con l’articolo introduttivo La Classe Operaia Globale di A. Pascucci (altro…)